26 Marzo 2021

Superbonus 110% ed immobili a destinazione mista. L’Agenzia delle entrate si pronuncia sull’uso promiscuo.

Bonus fiscali

È possibile beneficiare del Superbonus 110% se gli interventi sono effettuati su un immobile utilizzato promiscuamente sia come propria abitazione che per l'esercizio della propria attività professionale?

Salvo alcune specifiche eccezioni, gli interventi agevolabili ai fini del Superbonus devono essere realizzati su unità immobiliari o su parti comuni di edifici residenziali, ossia destinati ad uso abitativo. Sono, infatti, escluse dall’agevolazione le spese sostenute per interventi su immobili utilizzati per lo svolgimento di attività di impresa, arti e professioni.

Segnatamente, è l’articolo 119, comma 9, lettera b) del Decreto Rilancio a sancire che sono agevolabili gli interventi effettuati “dalle persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arti e professioni, su unità immobiliari …”.  Ed in proposito è stato precisato che con tale locuzione – «al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni» - il legislatore abbia inteso stabilire che la fruizione del Superbonus riguarda unità immobiliari non riconducibili ai «beni relativi all’impresa» (ex articolo 65 del Tuir) o a quelli «strumentali per l’esercizio di arti o professioni» (ex articolo 54, comma 2, del Tuir).

Ma cosa accade se la medesima unità immobiliare è adibita allo stesso tempo a propria abitazione e allo svolgimento della propria attività professionale?

Con la recente risposta ad interpello n. 198 dello scorso 22 marzo, l’Agenzia delle Entrate ha esteso anche al Superbonus la prassi consolidata da tempo con riferimento ad altre agevolazioni all’edilizia, “stante la sostanziale simmetria”, precisando che relativamente agli interventi realizzati su unità immobiliari residenziali adibite promiscuamente anche all'esercizio dell'arte o della professione ovvero di attività commerciale (occasionale o abituale), la detrazione spettante è ridotta al 50 per cento, quindi la detrazione è calcolata sul 50 per cento delle spese sostenute.

In altre parole, in presenza dei requisiti e delle condizioni normativamente previste, si può accedere al Superbonus in relazione agli interventi realizzati su un immobile ad uso promiscuo, limitatamente al 50 per cento delle spese effettivamente sostenute.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su skype
Condividi su email
Chiudi il menu